Non lasciamoci rubare la domenica come Festa e Pasqua settimanale

4 04 2015

mano di Dio                        Il brano di Adriano Sella per il tempo pasquale

 

Non lasciamoci rubare la domenica

come giorno di festa e del Risorto

     É incredibile! Ci stanno rubando quasi tutto: non solamente le cose materiali ma   soprattutto le dimensioni fondamentali dell’essere umanità. Infatti, stanno riducendo la persona umana ad essere sempre più un tubo digerente o un bidone aspiratutto. Si tratta di una questione antropologica molto seria, perché la persona umana non ha bisogno solo di cose, ma di tante altre esigenze: quella del pensare, del credere, dell’amare, della relazionalità, del giocare, della festa, ecc. Invece ci riducono ad essere solo consumatori, e per di più potenti consumatori. Anche se poi perdiamo forma, bellezza e qualità della nostra vita.

Ci stanno rubando anche madre terra che è l’habitat umano fondamentale per continuare ad essere ospiti su questo pianeta terra. Accolti continuamente dall’abbraccio di madre terra che ci offre sempre tutto quello che serve per poter vivere una vita dignitosa e piena di bellezza. L’attacco a madre terra avviene nel trasformare tutti i suoi doni in merce, soprattutto l’acqua che è la madre della vita.

Continua anche oggi la minaccia contro la festa e la domenica, cercando di trasformare tutti i giorni settimanali in lavoro e consumo. Lo conferma il cambiamento da un’economia di mercato in una società di mercato, dove l’economia ha trasformato la domenica in una giornata festiva dello shopping mediante le “cattedrali del consumo”, come dichiarò per primo il sociologo statunitense George Ritzer. Questa società del mercato ha già modificato l’obiettivo del fare shopping, facendolo diventare uno stile di vita e non più una necessità per soddisfare dei bisogni primari. Questo significa che si fa fare un’esperienza di vita, trasformando la festa e la domenica in una giornata dedicata allo shopping in un mondo incantevole e virtuale, dove tutto ruota attorno all’acquisto del feticcio che è la merce.

La modernità si è dimostrata anti-festiva, come pure le scienze sociali, perché la festa era vista un ostacolo alla macchina dello sviluppo e della razionalità economica, come sottolinea Antonio Arino, nel libro “L’utopia di Dioniso. Festa tra tradizione e modernità”.

Nonostante questi attacchi alla domenica, rimane una speranza: la festa è una dimensione antropica e interculturale che mai riusciranno a rubarci perché fa parte dell’essere umano e della vita di tutti i popoli.

Scrive Graziella Favaro, pedagogista del Centro COME di Milano: “da sempre gli uomini e i gruppi sociali sentono il bisogno di interrompere lo scorrere del tempo e la quotidianità degli eventi con momenti di festa e di celebrazione, di gioco e rito collettivo (…) Celebrare, ricordare, progettare le feste: sono avvenimenti che segnano le storie individuali e collettive come una sorta di punteggiatura che scandisce il racconto e le biografie di ciascuno”. Infatti, la festa è presente in tutti i popoli e in tutte le culture e religioni. Ecco perché non sono riusciti e non riusciranno a spazzare via la festa dalla storia dell’umanità.

La festa risalta varie dimensioni fondamentali dell’umanità: la relazionalità mediante le relazioni umane e lo stare insieme; l’aspetto ludico che si esprime nell’incontro gioioso, nel gioco e nel divertimento; il valore dello stacco e della discontinuità dalla vita feriale mediante il riposo, il silenzio, la contemplazione.

La domenica contiene la festa, come viene vissuta dal mondo laico, integrando però lo specifico del mondo cristiano: la Pasqua settimanale, ossia il giorno del Risorto: “perché questo è proprio il cuore della giornata domenicale: celebrare il Risorto, sentirlo vivo e rivoluzionario dentro il tessuto lento e spesso pigro delle nostre abitudini. Se celebriamo il Risorto allora sarà innovativo anche il nostro stile di vita”, scrive il vescovo Giancarlo Bregantini nella prefazione al libretto “Vivere da Risorti, custodiamo la domenica come pasqua settimanale”.

La domenica è sacra per noi cristiani, come lo è il sabato per gli ebrei, oppure il venerdì per i musulmani: “intuisco che proprioattorno alla domenica si gioca la forza del nostro cristianesimo, per farsi umanesimo nuovo (…) Si dica con chiarezza che è un peccato fare la spesa di domenica. Che è un peccato tenere aperto un centro commerciale di domenica. Un peccato sociale, che offende l’uomo oltre che Dio stesso”, dichiara con coraggio il vescovo Bregantini (sempre nella prefazione).

Allora, non lasciamoci rubare la domenica come giorno di festa per ravvivare la bellezza e la gioiosità delle relazioni umane, e come giorno del Risorto per rafforzare la nostra relazione con il Cristo Risorto che fa nuove tutte le cose e che rende nuovi anche i nostri stili di vita.

Padova, Pasqua 2015

Adriano Sella

missionario e discepolo dei nuovi stili di vita

Annunci

Azioni

Information

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...